Piccola lezione di fotografia. O di pesca. Vedete voi

Lo sguardo, soprattutto lo sguardo che poi fotografa, è un po’ come la rete dei pescatori. Alla fine non sai sempre bene che cosa hai raccolto.

La mente si aspetta, che so?, di trovare sardine e invece, tra le maglie della rete, scopre che l’anima ha raccolto anche del pesce azzurro. E allora la pesca ha tutto un altro sapore e la tua fotografia, all’improvviso, è un’altra fotografia. Più ricca.

Questo post è dedicato a Judy Weiser che, in privato, mi ha donato il suo sguardo e il suo commento alla foto che ha dato origine, il 27 febbraio, alla Piccola lezione di fotografia in forma di autocommento. Dove scrivevo della relazione tra la curvatura della gamba sinistra di una donna e la stessa curvatura del tronco di una palma. Ecco, invece, che cosa ha trovato nella rete da pesca Judy Weiser: altre analogie, altre linee, altri richiami. Perché le fotografie non si esauriscono nello scatto, ma proseguono e si dilatano, a dismisura, nello sguardo dello spettatore

Annunci

Informazioni su lavaligiadivangogh

fotografo, critico, docente
Questa voce è stata pubblicata in Monologhi e discorsi. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Piccola lezione di fotografia. O di pesca. Vedete voi

  1. labloggastorie ha detto:

    Sai cosa ha colpito me anche precedentemente? Il contrasto con lo sfondo dei motorini. Il movimento pur claudicante dell’anziana con l’immobilità delle ruote. Il progresso a confronto con l’antico.
    Tecnicamente sono ignorante in fotografia spero mi perdonarai 🙂

  2. iara ha detto:

    Piccola lezione di fotografia “e” di pesca. Per come la vedo io.
    Lo sguardo (che fotografa) sa. È consapevole.
    E sorprende la mente.
    È una piccola magia questa relazione tra sguardo e mente. credo.
    Per questo al posto di “o”, mi piace vederci “e”.

  3. weiserphototherapy ha detto:

    I liked today’s blog, Enrico, and thank you for continuing the dialogue!
    You make the excellent point that exploring photos never ends, and that there are always more layers!!

    (for example, after seeing this photo several times — and making my blue and red marks for you there — I only discovered a few minutes ago that there are also two other people in this photo, who “were not there” before!)

    This is similar to what I teach in my Workshops: things that are not noticed, do not exist (yet) to that viewer — although might be very very obvious to another viewer…

    And while this is an interesting philosophical detail, it also has great importance when the photograph is being discussed between two people who are seeing it during a therapy session:
    because this is an excellent method having them understand that they are also not seeing the world the same way as the other person sees it (even though each thinks that the world is a “fixed” external reality that all people see the same way that they do!)

    And when they begin to realize that each sees the same photo differently, then it is an easier step up to realizing they are not seeing their relationship (or their teenagers!) the same way either — that their pre-established expectations and personal/social/cultural “filters” create the unique version each person sees (differently!) and rather than one wanting to force the other to admit he is wrong, in fact they are both “right” (just only perceiving it differently).

    Then it becomes much easier to solve the problem (when they stop having to prove themselves right, and the other wrong) — to instead “step back” for a larger viewpoint where both are right and there is only “difference” based on what they believe *should* be happening (having expectations leads to having disappointments).

    So once they realize they see things (and photos) differently, based upon their own uniquely different perceptual process, then they can start focusing on the reasons WHY they have such different expectations, and begin to work together to try to resolve the consequences of this…

    I share the above because sometimes people ask me, “Why is it so important to discuss what people see in a photo?” and I reply “Because this opens the door for me to see what is inside THEM, underneath the photo they are discussing as if everyone sees it the same way they do…

    Thank you, Enrico, for making me “think hard” this morning!! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...