A proposito di visionari

A proposito di visionari. Una volta, nella penombra di un bar a Brooklyn, ho ascoltato senza volerlo una conversazione tra due uomini. Erano Alfred Stieglitz e Edward Steichen. L’avevo riportata, in tutta fretta, sopra una tovaglietta di carta che ho ritrovato, in questi giorni, tra i miei appunti sparpagliati. I due stavano guardando una fotografia. Questa.

Alfred Stieglitz, The Flatiron Building

Alfred Stieglitz, The Flatiron Building

 

ALFRED – Allora, amico mio, cosa vedi in questa foto?

EDWARD – È disarmante. La sua semplicità. Sono ipnotizzato da questo albero-fionda. Che mi ricorda la fionda di quando rincorrevo, da bambino, i tacchini di mio nonno. E al tempo stesso sono affascinato da quella collana di alberi, appoggiata al collo del palazzo. Disarmante. Come se il Flatiron Building non esistesse. E tu, Alfred, che cosa hai visto, invece?

ALFRED – Edward, avresti dovuto esserci. Avresti dovuto esseri lì con me, davanti al vetro smerigliato. Cercavo il punto di ripresa più efficace e, all’improvviso, mi è apparsa lei: la prua di una nave.

 

Poi mi sono alzato. Ho pagato la mia birra e me ne sono andato, lanciando un’ultima occhiata a quei due uomini, ancora con le teste chine sulla foto, che discutevano di fionde, collane e bastimenti. Ma non del Flatiron Building.

Annunci

Informazioni su lavaligiadivangogh

fotografo, critico, docente
Questa voce è stata pubblicata in Scansioni. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...