Archivi del mese: settembre 2015

Chiacchiera della finestra

Non ho occhi che per il mondo. Quattro. Anche se ogni tanto me li chiudono. Con tapparelle, imposte, tende, veneziane. Specie di notte o quando la calura è atroce. Ma per lo più mi lasciano guardare. Il mondo. Amo guardare … Continua a leggere

Pubblicato in Monologhi e discorsi | Lascia un commento

Haiku di settembre

  disegna il cielo il ramo che cerca la luce

Pubblicato in Fotografia verbale | Lascia un commento

Ho visto una piazza

Ho visto una piazza che sembrava il Titanic. Dopo il naufragio. Dove tutto era relitto. Dove gli stracci galleggiavano sull’asfalto, accanto ai lampadari rubati, ai ragazzi in motorino, agli abiti usati, alle luminarie della sagra spente e bianche come spettri … Continua a leggere

Pubblicato in Fotografia verbale | Lascia un commento

Il cigno e la fotografia

In Africa, un contadino aveva un campo che era tutta la sua vita. Una notte, una tempesta violentissima, un vero e proprio diluvio, stava seppellendo d’acqua tutta la terra. Il contadino non si perse d’animo e per salvare il raccolto … Continua a leggere

Pubblicato in Monologhi e discorsi | Lascia un commento

Autobiografia presunta

“ … qualunque cosa scriva non ne uscirebbe altro che cinema. In altre parole, se prendete me stesso e sottraete cinema, il risultato della sottrazione sarà zero.” Così scrive di sé Akira Kurosawa all’inizio della sua autobiografia. Confesso che, dopo … Continua a leggere

Pubblicato in Monologhi e discorsi | Lascia un commento

La Valigia in radio. Piccola lezione di infinito in fotografia

Prendi un foglio bianco e deposita in questo spazio immenso una piccola macchia di colore. Nera o del colore che preferisci. Poi lascia che quella forma prenda vita. Guardala, interrogala. Cosa vedi? Vedi Un ciottolo? Si, vedo un ciottolo. E … Continua a leggere

Pubblicato in La Valigia in radio | Lascia un commento

Alfabeto fotografico personale. Fotografo

Il fotografo è quella persona cui sta a cuore tutto quanto accade, fuorché la fotografia. Nel senso che il fotografo è a suo agio dentro la vita: nei momenti insignificanti o in quelli grandiosi. Davanti al suo sguardo nessun dolore, … Continua a leggere

Pubblicato in Alfabeto fotografico personale | Lascia un commento