Due esercizi brevi di paesaggio

1. Guardare un luogo-scena nel suo insieme. Per prendere confidenza con lo spazio. O per misurarlo. Con stupore, curiosità, sorpresa, incanto, paura …

2. Guardare un luogo-scena catturando dettagli, in modo rapido. Come dal finestrino di un treno in corsa. Per prendere confidenza con le storie. O per annusarle. Con stupore, curiosità, incanto, amore, pietà …

Gli esercizi possono essere svolti in questo ordine e in ordine inverso. O alternandoli.

Annunci

Informazioni su lavaligiadivangogh

fotografo, critico, docente
Questa voce è stata pubblicata in Officina. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Due esercizi brevi di paesaggio

  1. loscalzo1979 ha detto:

    Ormai ogni volta che viaggio o sono in giro mi viene in automatico pensare: questo dettaglio come lo fotograferei? che taglio dargli? ho lo sfondo pulito?

  2. gialloesse ha detto:

    Sono certamente tante le cose da fare prima di premere il pulsante di scatto, forse troppe. Ecco bisogna arrivare ad avere l’immagine già bella e pronta, visibile ed analizzabile in ogni dettaglio perfettamente composta nella mente, poi scattare. Occorre pertanto essere anche parecchio veloci.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...