La luce imprecisa. Sguardo a due voci

Mi piace la luce imprecisa, quella che scompiglia le cose e rende lo sguardo un po’ smarrito. Come il controluce, che ti obbliga a domandarti se quella figuretta che compare sullo sfondo del tuo campo visivo è loup ou chien, lupo o cane

Come quando senti un violoncello suonare 

mi piace la luce imprecisa, come quella di questa mattina, all’alba, quando non capivo se stavo attraversando gli ultimi momenti della notte o se, invece, la mia macchina scivolava nella luce del mattino

o un sax

mi piace la luce della penombra, che mostra e nasconde, lasciando lo sguardo in sospeso

e ti sembra di sentire il lamento o il bisbiglio di qualcuno che ti implora o ti desidera 

Annunci

Informazioni su lavaligiadivangogh

fotografo, critico, docente
Questa voce è stata pubblicata in Monologhi e discorsi. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...