Archivi del mese: gennaio 2015

Una specie di bottega

Sabato 31 gennaio e Domenica 1 febbraio terrò a Vigevano, ospite della Società Fotografica Vigevanese, un laboratorio dedicato allo sguardo. Una specie di bottega che espone questa insegna: E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia? … Continua a leggere

Pubblicato in La manutenzione dello sguardo | Lascia un commento

Altri dintorni di Hashtag

Che palle, direte, ancora ‘sto hashtag! E’ l’ultima volta, prometto. Almeno per un po’. Il fatto è che non riesco a vedere l’hashtag solo come un file d’archivio o come un fatto marginale della comunicazione. Questo cancelletto [#] produce senso, … Continua a leggere

Pubblicato in Monologhi e discorsi | 1 commento

Dintorni di Hashtag

L’altro giorno ho parlato di hashtag (https://lavaligiadivangogh.wordpress.com/2015/01/25/perche-lhashtag-non-e-una-didascalia/) e molti dei commenti lasciati in Facebook mi hanno dato da pensare. Tra questi ce n’è uno, di Maryreloaded Portrait, che mi ha colpito e che riporto qui, integralmente: «Balbettamenti che ci piacciono … Continua a leggere

Pubblicato in Monologhi e discorsi | 1 commento

Progetti

Vorrei mettere in scena delle fotografie. Creare un’attesa, un’attesa di meraviglia, di stupore. E di spettacolo. Vorrei sospendere delle fotografie, sospenderle fisicamente, proiettandole nel buio della sera, ingigantite, sopra le teste di chi guarda. E sopra la mia. Vorrei stenderle, … Continua a leggere

Pubblicato in Officina | Lascia un commento

L’osservazione del silenzio

Un giorno mi sono perso a osservare un silenzio che solo le nuvole hanno interrotto  

Pubblicato in La manutenzione dello sguardo | Lascia un commento

Perché l’hashtag non è una didascalia

Meglio dirlo subito: la didascalia è una cosa, l’hashtag un’altra. E questi sono solo appunti domenicali. La didascalia è una sorta di pronuncia evocativa dell’immagine, un supporto verbale per significati possibili. Come una scala appoggiata al muro per vedere cosa … Continua a leggere

Pubblicato in Monologhi e discorsi | 3 commenti

Il momento che precede la fotografia. 3

A volte, in quel momento lì, quello che precede la fotografia, a me capita di rimuginare immagini. Si, rimuginare: come fossero parole. Un borbottio silenzioso, un monologo visivo interiore. Guardo, osservo, ascolto, annuso, misuro e intanto rimugino immagini che non … Continua a leggere

Pubblicato in Questioni di perimetro | 1 commento