Archivi del mese: dicembre 2014

Chiuso per inventario personale

Mi piacerebbe chiudere per inventario. Mi sveglierei e mi appenderei al collo questo cartello: CHIUSO PER INVENTARIO PERSONALE. Scritto a mano, su un foglio a quadretti. Come fossi una bottega. Ecco, oggi, ultimo giorno dell’anno, chiudo per inventario personale. Chiudo … Continua a leggere

Pubblicato in Monologhi e discorsi | 8 commenti

Autoterapia fotografica

Voglio provare a trattare le fotografie, come scrive la foto-terapeuta Judy Weiser, come un verbo, ma anche come un nome; come un agente attivo di cambiamento ma anche come un oggetto sul quale riflettere; come una comunicazione emotiva molto diretta … Continua a leggere

Pubblicato in Fototerapia | 6 commenti

E pensare che

E pensare che la mano che scrive un verso o un racconto, è la stessa che pulisce un pavimento, spezza il pane, accarezza, offende, saluta un volto alle Partenze, stringe una vite, sala la carne, accudisce, salva un ricordo, nasconde, … Continua a leggere

Pubblicato in Monologhi e discorsi | 5 commenti

Esplorazioni del colore. Il primo vero Bianco dell’inverno

Dopo la brina è arrivato il primo vero Bianco dell’inverno, che molti chiamano Neve. Altri, invece, ostinati visionari, preferiscono chiamarlo, questo Bianco, il Sottile Silenzio Del Mondo.  

Pubblicato in Officina | Lascia un commento

Per colmare un vuoto

Forse nelle fotografie c’è anche un fondo di nostalgia, di rimpianto per un tempo, per un’ora, per un volto, per un vissuto che stiamo per perdere. O che abbiamo già perduto. Forse questo dipende dal fatto che davanti alla bellezza … Continua a leggere

Pubblicato in Monologhi e discorsi | 11 commenti

Il parcheggio felice. Fotografia verbale

A Natale, mentre andavo da mia madre in ospedale, ho visto il grande parcheggio del Carrefour completamente vuoto [clic] Era fatto solo di spazio e di luce [clic] in libertà. Aveva l’aria leggera e felice di chi è sopravvissuto all’asfissia … Continua a leggere

Pubblicato in Fotografia verbale | Lascia un commento

Vacca che bella! Un altro ‘Canto di Natale’ della fotografia

Il Natale scorso avevo messo in Valigia Il racconto di Natale di Auggie Wren di Paul Auster [https://lavaligiadivangogh.wordpress.com/2013/12/25/anche-la-fotografia-ha-il-suo-canto-di-natale/ ]. Lieve metafora – come scrivevo un anno fa – di quel furto che fotografia e fotografo compiono, ad ogni scatto, nei … Continua a leggere

Pubblicato in Questioni di perimetro | 3 commenti