L’impronta dello sguardo e del Tempo

Un altro articolo un po’ più lungo del solito. Abbiate pazienza, ma ci sono ragionamenti che hanno, per me, il fascino di certi tram: li vedo passare e non posso fare a meno di saltarci sopra. Come la riflessione che Fulvio Bortolozzo ha dedicato, dal suo blog Camera Doppia, al Tempo in fotografia. Non il tempo meccanico dell’otturatore, ma il tempo, anzi, i tempi che non sempre trovano ospitalità nei discorsi fotografici: il tempo umano, finito, del fotografo, del lettore, e il tempo universale, infinito, del panta rei, del tutto scorre. (lettura raccomandata: http://borful.blogspot.it/2014/08/fino-alla-prossima-fotografia.html) Non ho resistito: sono saltato sopra il suo ragionamento e ho cominciato a girare un po’.

Prima fermata. C’è un’idea di Tempo, in cui è cresciuta la civiltà occidentale, che è debitrice del pensiero greco: noi pensiamo che le cose compaiono e scompaiono nel nulla e questo Nulla, questo Niente, è ciò che il Tempo ci lascia come unico residuo di ciò che è accaduto. Contro questo Nulla, noi ci siamo inventati la memoria e la fragile immaterialità del ricordo.

Seconda fermata. Poi arriva la Fotografia, che non è solo portatrice di un nuovo tipo di sguardo, ma anche di un nuovo tipo di memoria. La Fotografia dà al ricordo un corpo, un aspetto: lo rende visibile, materiale. Meno fragile. Nel flusso infinito e inarrestabile delle cose la Fotografia scopre una nuova misura del tempo: l’Attimo. E ce lo fa vedere.

E’ a questa fermata che troviamo il ragionamento di Fulvio e la sua domanda. Cruciale: Cosa c’è da guadagnare nell’impiegare del tempo per prendere ed osservare fotografie? L’oblio, risponde Fulvio. Anzi, per essere più precisi, nel tempo del fotografico noi abbiamo la possibilità di vivere l’illusione di eternità presente in ogni fotografia. Questa illusione di eternità è l’Attimo che si espande, che rimescola tutti i tempi possibili: passato, presente, futuro. La sterminata vastità dell’attimo. Arrivato a questo punto provo a proseguire la corsa.

Terza fermata. La cosa che più mi intriga, del post di Fulvio, è la presenza del tempo personale in fotografia.  Perché se fai scendere in campo il tempo esistenziale che il fotografo spende nell’atto fotografico, allora metti in gioco una presenza che fa di lui non solo un esecutore, ma una presenza complessa. Una presenza fatta di pensieri, di idee, di corpo, di fantasia, di poetica, di rabbia, di storia, di partecipazione, di comprensione, di dubbi, di gioia, di ascolto, di poesia, di memoria, di sapere, di semplice (perché no?) registrazione…

Metti in campo il lato irrisolto del fotografico, perché la fotografia non riesce a contenere e veicolare la ricchezza vitale di questa presenza complessa. Eppure, questa densa complessità c’è, è sempre presente. Come un’ombra. E il fotografo deve passarla sotto le forche caudine del tecnologico (più o meno inconscio).

Capolinea. Ma c’è ancora una cosa che mi sembra di scorgere dai finestrini di questo tram. E’ la scia luminosa, che ogni fotografia raccoglie, lasciata dal passaggio dello sguardo del fotografo. L’impronta dello sguardo e del Tempo.

(Poi, si sa, il capolinea è un finto arrivo. Ci si ferma, si riprende un po’ il fiato. A volte si cambia anche guidatore. Ma poi il tram dei ragionamenti riprende la sua corsa)        

Annunci

Informazioni su lavaligiadivangogh

fotografo, critico, docente
Questa voce è stata pubblicata in Questioni di perimetro. Contrassegna il permalink.

2 risposte a L’impronta dello sguardo e del Tempo

  1. paolocorona ha detto:

    Seguo costantemente La Valigia. Ne sono affascinato; da questo articolo in particolare. Il mio contributo a proposito di tempo è questo: http://youtu.be/T11oXSPgYec. Scoprire che il tempo è anche un luogo, porterà anche a considerare che nelle foto che osserviamo c’è anche più dell’ attimo. Un saluto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...