Archivi del mese: agosto 2014

Perché tengo un blog. La rete

Forse è arrivato il momento di raccontare perché tengo un blog. Perché un fotografo decide di insediarsi in un luogo che non è un vero luogo e di depositare in questa nuova idea di spazio, porzioni di vita, di pensiero, … Continua a leggere

Pubblicato in Officina | 3 commenti

Del farsi trovare dagli arcobaleni

Una volta un arcobaleno nato in mare mi ha trovato. Mi sono fermato, l’ho raccolto e messo in questa piccola cornice Ora lo custodisco qui, accanto ad altri arcobaleni che mi hanno trovato nella vita Al sicuro. Nella mente e … Continua a leggere

Pubblicato in Officina | 3 commenti

Lo sguardo del lupo

Leggere Zanna Bianca da adulto ti porta a fare o pensare strane cose. Ti commuovi, per esempio, come mai avresti fatto da ragazzino o inizi a detestare, sul serio, gli uomini, i veri lupi della storia. Oppure ti inventi un … Continua a leggere

Pubblicato in La manutenzione dello sguardo | Lascia un commento

Le ragioni del trovare

  Le ragioni del trovare non sono vere e proprie ragioni. Lo sguardo-che-trova (che è l’altro lato dello sguardo-che-cerca, l’altro modo di vedere e capire il mondo) non è facile da argomentare, da definire. Bisogna farne esperienza. Provo a spiegare … Continua a leggere

Pubblicato in Alfabeto fotografico personale, Questioni di perimetro | 6 commenti

Le ragioni del cercare

Ecco un altro ragionamento al quale non ho saputo resistere. E’ della fotografa Luciana Coletti che, qualche giorno fa, in Facebook, ha pubblicato un breve ma denso post. Ve lo ricopio integralmente. «Io non cerco, trovo (Picasso) – Si dice ‘vado a … Continua a leggere

Pubblicato in Questioni di perimetro | 2 commenti

Antologia personale

La seconda immagine della mia Antologia Personale non è una fotografia. Ma è come se lo fosse, secondo me. E’ un quadro del 1654 di Egbert van der Poel e rappresenta la tragedia che colpì la città di Delft : … Continua a leggere

Pubblicato in Antologia personale | Lascia un commento

Esplorazioni

Ho guardato, a lungo, il silenzio sommesso delle mie strade di campagna. Strade discrete, modeste, dove sembra che niente debba accadere. Mai. E invece accolgono con semplicità, lungo i cigli impolverati, queste fragili architetture dell’attesa.  

Pubblicato in Sans Mots | Lascia un commento