Avrei voluto fotografare mio padre

Avrei voluto fotografare mio padre quella volta che era scappato dall’ospedale. Era scappato per venire a fare lo stupido, con il mio sombrero in testa e una bandoliera da bambino, davanti allo specchio della sala. Era scappato per me, per farmi ridere.

Avrei voluto fotografare quel padre assente, malato, farneticante. Eppure ammirato, perché sempre sopra le righe, perché cavalcava la vita in modo spericolato.

Avrei voluto fotografare la sua solitudine orgogliosa e malinconica, di chi è sempre contro corrente. Ma ero piccolo e non ne ho avuto il tempo.

Ora posso solo sperare di imbattermi, ogni tanto, nella scia che il suo passaggio ha lasciato nella memoria. Come quelle stelle che, anche dopo essersi spente, possiamo vedere nelle notti serene ancora per anni [clic]

Annunci

Informazioni su lavaligiadivangogh

fotografo, critico, docente
Questa voce è stata pubblicata in L'archivio delle fotografie perdute. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...