Uno spiraglio illuminante

Tra una quindicina di giorni terrò un laboratorio sullo sguardo. Ne avevo scritto il 23 dicembre (https://lavaligiadivangogh.wordpress.com/2013/12/23/breve-corso-di-fotografia-per-fotografi-senza-sguardo/) e il 24 dicembre scorso (https://lavaligiadivangogh.wordpress.com/2013/12/24/altri-appunti-per-il-breve-corso-di-fotografia/) e un gruppo di fotografi, per il tramite di Massimo Tranquillo e di Emanuele Minetti, ha accettato di fare da “cavia” per questo esperimento.

Non so ancora bene dove porterà questa esplorazione delle possibilità/potenzialità dello sguardo in fotografia (e nella vita, perché no?). Molto dipenderà da come lavoreremo e dal livello di “disintossicazione” delle abitudini visive che riusciremo a raggiungere.

So, però, dove mi piacerebbe arrivare: alla costruzione, per ciascuno, di un capitolo di biografia visiva che, da un lato, risale il tempo fin dove è possibile e, dall’altro, suggerisce che la realtà prelevata dallo sguardo non è solo ciò che ci viene incontro, ma è un orizzonte molto più ampio, di cui fa parte anche l’invisibile.

Definirei tutto questo Sguardo (fotografico) come generatore di spiragli illuminanti.

Annunci

Informazioni su lavaligiadivangogh

fotografo, critico, docente
Questa voce è stata pubblicata in La manutenzione dello sguardo e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...