Dal dormiveglia

Mi sono addormentato leggendo queste parole di John Berger: «In ogni madrelingua, la mia è l’inglese, ci sono tutte le parole esistite nel tempo e che esisteranno nel tempo. Quelle parole sono nell’utero della madrelingua.»

Credo siano queste parole che, qui, dal dormiveglia, stanno dando vita a uno strano pensiero che non so come potrà reagire alla logica diurna.  Ma è un’idea che mi affascina. Eccola.

Mi sto chiedendo se, anche per le immagini, esiste una lingua madre, un utero che contiene, se non tutte, almeno un piccolo nucleo, un corpus di immagini che ci accompagnano nel tempo. Immagini più o meno ricorrenti che ritornano, poi, nel corso della vita e delle nostre visoni. Come, per me, il vuoto delle campagne lungo la ferrovia della mia infanzia, la luce dei lampioni che non riesce a sfondare la nebbia, la sala silenziosa dopo una lite tra i miei genitori …

Mi sto chiedendo se, per caso, non provengono dall’utero di questa Immagine-Madre le ‘inquadrature naturali’ di Luigi Ghirri  

Luigi Ghirri

Luigi Ghirri

il Cile di Sergio Larrain  

Sergio Larrain

Sergio Larrain

la Sicilia di Enzo Sellerio o di Carmelo Bongiorno  

Enzo Sellerio

Enzo Sellerio

 

Carmelo Bongiorno

Carmelo Bongiorno

Sta suonando la sveglia. Mi alzo con questo pensiero che mi ha regalato la notte.

Annunci

Informazioni su lavaligiadivangogh

fotografo, critico, docente
Questa voce è stata pubblicata in Monologhi e discorsi e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...