Archivi del mese: aprile 2014

In viaggio con La Valigia. 4

Giorno del ritorno. Per questo voglio mettere in Valigia una battuta del film Treno di notte per Lisbona. Eccola. Lasciamo sempre qualcosa di noi, quando ce ne andiamo da un posto. Restiamo lì anche quando siamo andati via. Già. Credo, però, … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 2 commenti

In viaggio con La Valigia. 3

Ecco cosa manca, talvolta, alla frenesia dello sguardo in viaggio: la giusta distanza. Troppo vicino alle cose, troppo dentro le cose . Troppo abbagliato dai sensi, con il rischio di non capire o di non cogliere (subito) l’equilibrio tra idea e forma. Come … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

In viaggio con La Valigia. 2

Quando è in viaggio, soprattutto di piacere, il mio sguardo impazzisce. È affamato, anzi: ingordo. Si avventa su ogni cosa, senza sosta, senza discernimento. È in balia dei sensi e si sovraccarica di suggestioni e informazioni. Sarà, poi, la frugalità … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

In viaggio con La Valigia

Sono seduto sopra le nuvole e scrivo questo post. Mi era già capitato, anni fa, in Ecuador, ma in quella occasione ero in cima a una montagna e lo sguardo era saldamente ancorato alla terra. Oggi, invece, su questo volo … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Uno spiraglio illuminante

Tra una quindicina di giorni terrò un laboratorio sullo sguardo. Ne avevo scritto il 23 dicembre (https://lavaligiadivangogh.wordpress.com/2013/12/23/breve-corso-di-fotografia-per-fotografi-senza-sguardo/) e il 24 dicembre scorso (https://lavaligiadivangogh.wordpress.com/2013/12/24/altri-appunti-per-il-breve-corso-di-fotografia/) e un gruppo di fotografi, per il tramite di Massimo Tranquillo e di Emanuele Minetti, ha accettato … Continua a leggere

Pubblicato in La manutenzione dello sguardo | Contrassegnato , | Lascia un commento

Davanti a un mare di luce

Stazione di Lambrate. Salgo le scale che portano al mio binario e vedo, per un  momento, il colore dell’alba che si mescola a quello artificiale dei semafori rossi e alle luci dei treni in movimento [clic]. Poi, basta pochissimo e … Continua a leggere

Pubblicato in Monologhi e discorsi | 2 commenti

Due o tre cose a proposito dell’ombra

L’ombra mi affascina. La osservo, la uso in molte inquadrature e, soprattutto, mi piace studiarla. Perché l’ombra, molte volte, non è solo il lato nascosto e impalpabile delle cose. A volte … … a volte, l’ombra, diventa lei stessa corpo, … Continua a leggere

Pubblicato in Scansioni | Contrassegnato , , , , | 1 commento