Quando una domanda ti raggiunge

© Courtesy Franco Castellari, 2013

© Courtesy Franco Castellari, 2013

Ieri sera una ragazza tra il pubblico mi ha chiesto se, quando osserviamo il mondo attraverso il dispositivo fotografico, non ce ne stiamo un po’ allontanando.

Confesso che ho dovuto attraversare qualche secondo di silenzio prima di rispondere: stavo misurando la distanza che mi separava da quella domanda. Nel senso che, quella domanda, non me la sono mai posta.

Non me la sono mai posta perché la fotografia è sempre stata il mio modo di essere al mondo. Un comportamento del mio sguardo, della mia mente e di me, Uomo, che risponde a un impulso molto semplice: vivere la condizione di fotografo come qualcosa di necessario e irrinunciabile. Qualcosa di cui non posso fare a meno, perché determina il mio posto nel mondo e il mio modo di produrre significati.

(Ma ho promesso che mi sarei fermato a riflettere sulla questione, per meglio capire le ragioni di chi, invece, vede o subisce il dispositivo fotografico come un filtro anti emotivo, un impedimento alla partecipazione. Insomma, ormai quella domanda mi ha raggiunto e non posso non ascoltare ciò che ha da dirmi).

Annunci

Informazioni su lavaligiadivangogh

fotografo, critico, docente
Questa voce è stata pubblicata in Questioni di perimetro. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...