Questioni di perimetro. Ci sono così tante immagini

Una volta David Hockney ha detto che ci sono così tante immagini al mondo (quadri, fotografie, film) che, se anche smettessimo per sempre di produrne, non basterebbe una vita per vederle tutte.

In un certo senso è un po’ come dire che, non potendo (fisicamente) vederle, ci sono milioni di immagini buie, che non esisteranno mai.

Così mi sono chiesto: ma quante immagini, invece, sono rimaste al buio perché non le ho/non le abbiamo viste culturalmente? Nel senso che non ero/non eravamo preparati a capirle, ad accoglierne il senso, la forma o l’innovazione?

O perché non le abbiamo trovate. Perché chi produce cultura visiva indirizza altrove la nostra idea di immagine/fotografia, verso certe direzioni escludendone, chissà perché, altre.

Che sarebbe stato della nostra idea di fotografia se, ad esempio, Berenice Abbott non avesse salvato dal buio le foto di Atget?

(Ma sono solo appunti notturni che attendono risposte dal giorno e sono nati dalla lettura dell’articolo Una questione di FORMA di Giovanna Gammarota e dai commenti che ne sono seguiti. Li trovate qui: www.puntodisvista.net/2013/10/una-questione-di-forma/)

Annunci

Informazioni su lavaligiadivangogh

fotografo, critico, docente
Questa voce è stata pubblicata in Questioni di perimetro e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...