Un certo sguardo d’autunno

Ci sono giorni, come questi primi di ottobre, in cui ho l’impressione che lo sguardo si ritiri, si accartocci come una foglia che si lascia cadere nel vento. Non so, ma ho come l’impressione che lo sguardo perda di vista l’orizzonte per lasciarsi irretire dal particolare. Ad esempio, da ciò che ha iniziato a depositarsi a terra: rami, foglie, marroni . O dai primi vapori nebbiosi che salgono dalle campagne infangate, dall’odore della prima legna che brucia. O dai ricordi.

Ma è solo un’impressione. Questo sguardo d’autunno, rivolto alla memoria e ai colori pastello, forse si è attivato perché l’altro giorno ha ritrovato via De Canistris, la strada dell’infanzia. E lo sguardo, si sa, si imbeve di ogni cosa, anche del tempo che passa.

Annunci

Informazioni su lavaligiadivangogh

fotografo, critico, docente
Questa voce è stata pubblicata in Monologhi e discorsi. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Un certo sguardo d’autunno

  1. Cinzia ha detto:

    Oggi sei più poetico ed intenso del solito, i colori d’autunno fanno questo effetto anche a me, quei colori incredibili della natura che sta per andare a riposarsi dopo averci regalato un’altra primavera ed un’ altra estate. Il ciclo del tempo che si compie, un cerchio perfetto.
    Alla px.

  2. Cinzia ha detto:

    Hai scritto: quello lo sguardo “sente” … sei un poeta dell’anima …

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...