Un’idea di inquadratura

John Berger è uno dei miei padri intellettuali. Da lui ho imparato quel poco che so della difficile arte di restare in equilibrio oscillando tra due linguaggi: l’immagine e parola. A lui devo, ad esempio, l’idea di inquadratura che mi sono fatto e che vorrei raccontare.

John Berger dice che sono stati gli storyteller, i narratori, a inventare e a dare nome alle costellazioni, tracciando linee immaginarie nell’ammasso stellare. Queste linee/narrazioni hanno dotato le costellazioni di un’immagine e di un’identità. Grazie a queste linee immaginarie noi riusciamo a vedere, che so, il Carro dell’Orsa, il Sagittario, i Gemelli … nella confusione indistinta del firmamento. Magari – dice ancora Berger – immaginare le costellazioni non cambia certo le stelle, né il vuoto che le circonda, ma cambia il modo di leggere il cielo di notte.

Così mi sono fatto l’idea che anche noi fotografi, in fondo, siamo come storyteller davanti all’ammasso caotico della realtà. Anche noi tracciamo linee immaginarie intorno alle persone, agli eventi, alle cose, agli spazi. Tracciamo perimetri che creano al loro interno relazioni visive. Relazioni che magari esistono solo lì.

Così mi sono fatto l’idea che le fotografie sono le nostre costellazioni, le nuove identità che le cose assumono dentro la linea che tracciamo con l’inquadratura. Magari anche queste nostre immagini non cambiano le cose, né l’ammasso caotico del reale, ma – come le linee immaginarie tracciate per le costellazioni – possono cambiare il modo di leggere il mondo.

Annunci

Informazioni su lavaligiadivangogh

fotografo, critico, docente
Questa voce è stata pubblicata in Monologhi e discorsi. Contrassegna il permalink.

5 risposte a Un’idea di inquadratura

  1. Maurizio Rinaldi ha detto:

    forse, anche, di trovare ognuno di noi, un proprio orientamento?

  2. Maurizio Rinaldi ha detto:

    …è possibile.. ma non ci sono certezze.
    da piccolo pensavo che crescere significasse trovare le risposte..
    vado verso la soglia dei sassant’anni e mi accorgo di avere sempre meno certezze..
    ma mi va bene così, anzi preferisco
    e vado avanti a fare immagini..
    e vado avanti, alla ricerca di un orientamento..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...