Arlesiana Sei. Sulla strada del ritorno

Evgenia Arbugaeva

Evgenia Arbugaeva

Riparto da Arles. Mi aspettano sei, sette ore di viaggio. Mi unisco alla coda dei parigini che scendono in Costa Azzurra per le vacanze, mi mescolo ai francesi, agli spagnoli che vanno in Italia. Sei, sette ore di viaggio, nella luce provenzale accecante e nel caldo scandito dal canto delle cicale.

Mi terranno compagnia spezzoni del mio personale film dei Rencontres, il ricordo di ciò che ho visto e che mi ha colpito. Come il bellissimo reportage artico di Evgenia Arbugaeva (Tiksi), classe 1985 e vincitrice del Prix Leica Oskar Barnak 2013.

Mi terranno compagnia le piccole buste marroncino del grande Guy Bourdin: ognuna contiene un negativo b/n; ognuna ha, incollato sul recto, un provino a contatto. Dopo gli Album di Lartigue (ne ho parlato il 6 luglio), dopo l’Album du Lilah di Sergio Larrain (ne ho parlato il 7 luglio), un’altra scoperta – qui ad Arles – del lato sconosciuto di un fotografo.

Mi terrà compagnia un altro momento di commozione personale, che ho vissuto nella chiesa di Sainte-Anne, dove era la mostra di Larrain. Poco prima di uscire, mi sono imbattuto nel ritratto di un bambino cileno, dallo sguardo triste e dagli abiti ancora più tristi. Un ritratto eseguito da Larrain nel 1955. Non so bene come, ma intercettando quella foto mi sono venuti i lucciconi agli occhi. Ho pensato che quello sguardo malinconico, rivolto all’obiettivo, era stato raccolto mentre io, dall’altra parte della terra, nascevo. 1955. Mi sono commosso, perché in quel momento credo di essermi reso conto, come mai prima, della grandezza della fotografia e dei miracoli che questo linguaggio può compiere. Come quello di farmi incontrare uno sguardo che è esistito cinquantotto anni fa e che, oggi, in un altro secolo, ho potuto incontrare qui, ad Arles.

Mi aspettano sei, sette ore di viaggio. In compagnia di ricordi.

Annunci

Informazioni su lavaligiadivangogh

fotografo, critico, docente
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...